Eccoci qua come ai tempi della scuola dinanzi una pagina bianca e l'incertezza, l'amletico dubbio: COME INIZIARE? Sicuramente voglio dirti CIAO, che tu sia casualmente transitato di qua o già mio amico, qualunque sia il tuo pensiero, la certezza di questo saluto ce l'ho.
Di certezza ne ho anche un'altra, se sono qui, se ho deciso di "mettere in rete" parte di quello che scrivo è proprio per arrivare da te, per il desiderio di comunicare e condividere insito nell'essere umano, perché ho deciso di "tirare fuori dal cassetto i miei fogli" ed esporli alle tue critiche, al giudizio che se vuoi puoi lasciare sotto ogni mio post, per incontrare e conoscere amici.
In questo blog troverai alcune poesie, racconti brevissimi che durano il tempo di alcuni "morsi" ad un frutto, la sfida mia personale a Flaubert, una storia da "prendere un morso per volta": terza certezza... e dire che a me ne sarebbe bastata una! Ho cominciato; così adesso spero di rincontrarti al più presto.

Gabriella

lunedì 15 novembre 2010

Impossibile perdersi

... ed ecco ti sento
di nuovo! 
E brividi lungo la schiena
e lacrime dolci sul viso;
e sento l'Amore ch'è intorno

che avvolge garbato
con forza ogni cosa.
Io piccola eppur tanto grande
da essere proprio per Te
nel ruolo 
il mio ruolo che devo
che voglio imparare.
Scrollo strati
di crostificate memorie
che non mi parlano più...
eppur le vorrei sentire
riacquistare memoria
di quello che ero
ch'è quello che sono!
E nei ricordi trovare i miei luoghi

cose e persone
aver la certezza dei fili
intrecciati a ritroso;
intuire l'arazzo intessuto per me,
ad ogni mio passo vedere
quando mi scosto,
quando la trama coincide...
Piangerò per ogni cosa
che dovrò perdere,
sorriderò pensando alle nuove
o a quelle che 
ho voluto lasciare.
Per quelle perse 
forse non mi darò pace
... continuerò ad amarle
forse aspettarle...
e perderò per questo
forse il mio turno...
Ma tutto è Amore
ed esso con Lui
regna sovrano
... è in questo Amore
ch'io mi perdo,
mi trovo,
in esso respiro!
E quando avrò ripreso i fili
di ricordi mai trapassati,
quando avrò ricomposto
l'unità che io sono,
quando mi riconoscerò,
mi sarò perdonata,
quando capirò il ruolo
che ho in questo gioco
e avrò orecchi per ascoltarTi...
nel respiro, nel giorno, nel Sole,
al buio o con la luce
m'impregnerò d'Amore!


Gabriella Dell'Aria
Tutti i diritti riservati 

8 commenti:

  1. Stupenda!!!

    Aspetto anche i tuoi versi natalizi per pubblicarli...

    RispondiElimina
  2. Soave sottile delicata come una rosa,
    dolcissima.

    Maurizio

    RispondiElimina
  3. Semplicemente bella!

    RispondiElimina
  4. Bentornata, ... sorellina... :)

    Sò cosa provi... e sono felice che tu l'abbia ri-trovato.

    Non preoccuparti di "perdere il turno"... preoccupati soltanto d'amare... ;)

    La tua trama è davvero una bellissima trama, il tuo arazzo è un arazzo antico e tu ne sei l'intessitrice, ... un Anima meravigliosa che sà tessere trame Divine...

    Dici il vero quando parli delle tue memorie... ma non preoccuparti molte volte ne hai avuto coscienza ma non le hai riconosciute... impara ad ascoltarti e ti capirai un po' di più... ti riconoscerai un po' di più... ti ricordrai un po' di più!

    Ma quando il ricordo diventa più di un semplice ricordo ed inizia a diventare un ri-conoscersi quotidiano ed è impregnato dalla grandiosità dell'Essere avvolte risulta difficile integrarlo... perchè TU SEI un Anima meravigliosa... sei davvero pronta ad esserne pienamente consapevole... ehehehehehe ;)

    A vivere con la consapevolezza del tuo Vero Valore,... quante cose non potresti più accettare??? Quante cose dovrebbero cambiare???

    Ed anche quì non mi riferisco direttamente a tè... ;)

    ...

    Perdonarti...?

    Che cosa bella da fare... il più vero, profondo e sentito atto d'amore che possiamo veramente fare per noi stessi...

    Avvolte capita di prendere coscienza di cose che facevamo a noi stessi che non avremmo mai creduto di poter essere capaci di fare... eppure... eppure... eravamo noi a farle... come programmati zombi incapaci di una propria volontà... continuavamo ininterrottamente a farci del male quotidiano... dura da buttare giù non credi (e non mi riferisco direttamente a tè ... neanche adesso ... eheheheh...)? ;)

    Quante volte mi sono ritrovato a dire... "ma non lo sapevo, io non lo sapevo"... eppure... eppure...

    Come finisce tutta questa storia... ? ... non finisce ma continua con un nuovo atto che parte e finisce sempre allo stesso modo... con IL PERDONO!!! ;)

    Come il sopra così il sotto, ... come il Padre così il Figlio...

    Ho ricercato al lungo il Tuo volere e quando infine l'ho ri-trovato ... soltanto allora ho visto che Noi siamo la stessa cosa... il Tuo E' sempre stato il Mio, ... perchè noi siamo semplicemente IO!!!

    E nella penombra di una mattina di primavera mi risvegliai dal sogno della mia umanità... mi risvegliai alla mia vera Essenza è ricordai di essere sempre stato l'unica meta di ogni mia ricerca... e ricordai di Essere sempre stato IO, sempre è soltanto l'unico ... eterno... (...)!!!


    --
    PS: è bello vedere il dispiegarsi delle tue Ali, ... è davvero bello... grazie di condividerlo con noi! :)

    Fabio! :)

    RispondiElimina
  5. @Tutti: grazie di cuore, un abbraccio grande!

    @Stella: da te leggo pagine bellissime, trovo emozioni e spunti di riflessione... e commozione... occhi lucidi :)
    Grazie a te!

    P.s.: spero di non deluderti con i versi natalizi!

    @Fabio: come sempre le tue parole toccano le corde dell'animo mio :) Grazie di esserci SEMPRE!
    Ciao... fratellino... :)

    RispondiElimina

Grazie per essere passato/a a leggermi! Se volessi lasciare un commento con le tue impressioni/sensazioni o anche solo un saluto... ti ringrazio ancora una volta!