Eccoci qua come ai tempi della scuola dinanzi una pagina bianca e l'incertezza, l'amletico dubbio: COME INIZIARE? Sicuramente voglio dirti CIAO, che tu sia casualmente transitato di qua o già mio amico, qualunque sia il tuo pensiero, la certezza di questo saluto ce l'ho.
Di certezza ne ho anche un'altra, se sono qui, se ho deciso di "mettere in rete" parte di quello che scrivo è proprio per arrivare da te, per il desiderio di comunicare e condividere insito nell'essere umano, perché ho deciso di "tirare fuori dal cassetto i miei fogli" ed esporli alle tue critiche, al giudizio che se vuoi puoi lasciare sotto ogni mio post, per incontrare e conoscere amici.
In questo blog troverai alcune poesie, racconti brevissimi che durano il tempo di alcuni "morsi" ad un frutto, la sfida mia personale a Flaubert, una storia da "prendere un morso per volta": terza certezza... e dire che a me ne sarebbe bastata una! Ho cominciato; così adesso spero di rincontrarti al più presto.

Gabriella

mercoledì 12 giugno 2019

Le scelte e i colori


La nostra vita è un insieme di infinite possibilità, s'incastrano, le une con le altre, ad ogni battito, in ogni istante. Così, mentre ora sono qui e scrivo, nello stesso modo potrei essere altrove e fare altro, incontrare altro. Quindi in questo istante ho scelto di prestare ascolto a quello che sento, fermarlo con le parole, per definirne i contorni. Come un dipinto, un quadro, un disegno. Ed ho "scelto" che valesse la pena di farlo. Ho scelto.
In realtà il pensiero aveva scavato più a fondo ed aveva creato note sullo smartphone ognuna delle quali s'inseriva in un risvolto, sondava un aspetto, un stato d'animo, una lezione forse d'apprendre ancora. Come mille tasselli di un puzzle variopinto dove qualcuno arrivava ad aggiungere, levare,  a mescolar colori.
Senza accorgersene un'altra nota stava prendendo forma sotto le sue mani.
Si pose dinanzi al puzzle, inginocchiata lì di fronte, con determinazione e con amore ci passò le mani sopra, come a spostare via la sabbia depositata sulla superficie, e ci levò quello che soffocava il cuore. E ci versò i colori, quelli suoi.

Gabriella Dell'Aria 
Tutti i diritti riservati 

6 commenti:

  1. Cara Gabriella, nella vita bisogna provare di tutto!!!
    Tu hai trovato ciò che piace, continua che sarai sempre felice di ciò che fai.
    Ciao e buon pomeriggio con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Tomaso, hai ragione, ogni cosa che proviamo aumenta le nostre esperienze. E fare ciò che ci piace fa di certo bene all'anima.
      Abbraccio e sorriso presi e ricambiati di cuore

      Elimina
  2. Bellissimo!!!! Un racconto riflessione che parla di te, di noi tutti. I nostri colori che giorno dopo giorno ci accompagnano, alternandosi anche

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Patricia, i nostri e quelli del mondo, che in qualche modo hanno influenza su noi, un puzzle meraviglioso,

      Elimina
  3. Tutta la vita è una scelta... ma anche un puzzle di cui scopriamo l'immagine completa soltanto alla fine.
    Buona serata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come un arazzo tessuto ogni giorno, fino a completare il lavoro. Soltanto alla fine. Nel frattempo scrutiamo il "fatto" e progettiamo quello ancora da farsi, nella speranza di realizzare un disegno, che poi alla fine sarà meraviglioso, anche non dovesse coincidere sempre con ciò che avevamo immaginato, meraviglioso sempre perché nostro.
      Buona domenica.

      Elimina

Grazie per essere passato/a a leggermi! Se volessi lasciare un commento con le tue impressioni/sensazioni o anche solo un saluto... ti ringrazio ancora una volta!