Eccoci qua come ai tempi della scuola dinanzi una pagina bianca e l'incertezza, l'amletico dubbio: COME INIZIARE? Sicuramente voglio dirti CIAO, che tu sia casualmente transitato di qua o già mio amico, qualunque sia il tuo pensiero, la certezza di questo saluto ce l'ho.
Di certezza ne ho anche un'altra, se sono qui, se ho deciso di "mettere in rete" parte di quello che scrivo è proprio per arrivare da te, per il desiderio di comunicare e condividere insito nell'essere umano, perché ho deciso di "tirare fuori dal cassetto i miei fogli" ed esporli alle tue critiche, al giudizio che se vuoi puoi lasciare sotto ogni mio post, per incontrare e conoscere amici.
In questo blog troverai alcune poesie, racconti brevissimi che durano il tempo di alcuni "morsi" ad un frutto, la sfida mia personale a Flaubert, una storia da "prendere un morso per volta": terza certezza... e dire che a me ne sarebbe bastata una! Ho cominciato; così adesso spero di rincontrarti al più presto.

Gabriella

mercoledì 27 gennaio 2021

Giornata della memoria


 #Oggiilbuongiorno non può che aprirsi così, con un'immagine chiara di ciò che siamo capaci di fare, con quello che dovrebbe essere un monito, forte, sempre presente, una linea guida che scorre affiancata a quei binari sui quali i convogli stracarichi di una parte di mondo che si vedeva negare i diritti fondamentali, atrocemente aggredita, stipata, veniva trasportata, ecco, al fianco di quei binari e in direzione opposta dovrebbe scorrere la linea guida inviolabile, invalicabile, che indica da quale parte andare. Invece, se continuiamo a ricordare senza agire, senza nulla fare, se permettiamo abusi, torture, sfruttamento a qualsiasi livello, nei confronti di chiunque, in qualsiasi parte del mondo, se ne parliamo senza però agire, rischiamo di fare retorica e quelle atrocità, quelle vittime Innocenti, non ci avranno insegnato niente. Io credo che l'unico vero modo di onorarli sia un grande, infinito "mai più", mai più violenze, mai più sopraffazione, mai più odio, mai più.

Così in questo giorno, tornando a ricordare tutti loro, dal primo all'ultimo, senza lasciare che la memoria ne cancelli alcuno, piangendo per ciascuno di essi io prego che si stia attenti a ciò che avviene oggi, perché in tutto il mondo, per tutti, sia forte nella volontà e nel cuore quel "mai più". E ognuno di noi è chiamato a fare la sua parte, nelle piccole cose di ogni giorno e in quelle grandi, ognuno per quello che gli compete, per quello che può fare. 

Oggi la memoria ci rammenta cosa siamo capaci di fare, nel bene e nel male, a noi scegliere da quale parte andare.

Gabriella Dell'Aria 27.01.2021




3 commenti:

  1. Parole sacrosante Gabriella.
    Purtroppo si vedono in giro nel mondo reflussi neonazisti o comunque di estrema destra.
    Si sentono affermazioni e frasi da far accaponare la pelle.
    Perchè???? Perchè mi chiedo. E poi la risposta mi pare semplice. Perchè l'uomo non impara mai dai suoi errori. Perchè l'uomo è sempre convinto di essere il solo nel giusto e se ha un briciolo di carisma, migliaia dfi imbecilli lo seguono.
    Senza contare i revisionisti, i negazionisti che negano Cristo in croce e dicono che è morto dal freddo.

    RispondiElimina
  2. Un giorno che nessuno dovrà mai dimenticare, cara Gabriela.
    Ciao e buona serata con un forte forte abbraccio.
    Tomaso

    RispondiElimina
  3. Bisogna ricordare di ricordare tutti i giorni e non solo nella ricorrenza, ciao Gabriella e buona serata, Angelo.

    RispondiElimina

Grazie per essere passato/a a leggermi! Se volessi lasciare un commento con le tue impressioni/sensazioni o anche solo un saluto... ti ringrazio ancora una volta!